Workshop Kalbelia 

Danza Gypsy del Rajasthan

Monica Murgia, antropologa e danzatrice di danza medio orientale, guiderà 6 incontri, in formula di corso, che si terranno una volta al mese e saranno incentrati sullo studio formativo della danza gitana Kalbelia, tipica dell’India Nord Occidentale.

LA TEORIA E LA PRATICA

Durante la parte iniziale del seminario saranno forniti cenni storici che hanno portato alla teoria della cosiddetta “Indian Connection“, ossia cosa significa che “gli zingari provengono dall’India” e come oggi viene manifestata questa identità dai kalbelia, auto-dichiaratisi zingari originari. Per danzare basta indossare abiti comodi, pantacollant e portare una gonna ampia. Per chi le avesse può portare cavigliere sonore.

CARATTERISTICHE E METODO

Questa danza, essendo considerata folk, è caratterizzata da movimenti che permettono libertà d’espressione e improvvisazione da parte della danzatrice.
Si danzerà spesso in cerchio, impareremo ad ascoltare il ritmo e a sciogliere anche, bacino, collo e mani. Si compiranno giri vorticosi e movimenti sinuosi che rimandano alla fluidità di quelli del serpente… ma anche movimenti decisi. Le mani saranno importanti protagoniste, con i mudra che segnano lo spazio guidati dal suono vibrante e ipnotico del flauto poongi; e così anche i piedi, che battono la terra al tempo del tamburo doppio doolak. Il baricentro sarà sostenuto dalla spina dorsale, dal bacino e dalle anche che compiranno scatti e vibrazioni verso il basso. L’espressività del viso rimanderà alla forza femminile, che ben si esprime in questa arte.

GIORNI E ORARI

6 incontri, una volta al mese dal 26 novembre 2017 dalle ore 15 alle 18
PROSSIMI INCONTRI
10 dicembre 2017
28 gennaio 2018
25 febbraio 2018
25 marzo 2018
29 aprile 2018

MONICA SI PRESENTA

Sono un’antropologa e danzatrice di danza medio orientale da un decennio e da tre anni di danza kalbelia, danza folk del Rajasthan (dei cosiddetti “zingari del deserto” e “incantatori di serpente”). Racconto brevemente la mia esperienza con la danza indiana kalbelia, non ancora molto conosciuta, né insegnata a Bologna. Ho potuto apprendere quest’arte nel 2014-2015 durante il lavoro di campo in India, per una ricerca di tesi all’estero in Antropologia Culturale, supportato dall’università di Bologna.
Nel corso dei quattro mesi di vita tra i kalbelia, considerati attualmente gli zingari dell’India (da cui proverrebbero tutti gli altri gitani), ho frequentato quotidianamente le lezioni di danza con alcune tra le migliori insegnanti. Ho partecipato a spettacoli e danzato per eventi con loro e i loro musicisti. In passato questa comunità si sostentava grazie al mestiere di incantatori di serpenti e durante il seminario teorico introduttivo vedremo come dagli anni ’80 sono cambiate le loro strategie di sussistenza. L’argomento è complessivamente molto interessante, le ricerche attuali in Italia e persino in Europa sono pochissime.
Il mio approccio alla danza vuole essere olistico, con l’introduzione di elementi di altre danze indiane e l’influenza di quella medio orientale, con esercizi propedeutici derivanti dalla pratica dello yoga per riscaldare e potenziare la flessibilità e la forza del corpo.

Patrizia Aurora
cell. 338 4875510

Costo totale 6 incontri € 180
(da saldare entro il 12 novembre)

Costo singolo incontro € 38

Palestra “Alessio Citi Fitness Studio
Via Vizzani 59/A – Bologna
Tel. 051 341411

Share: